Ducati GP14: ci stiamo avvicinando?

di Giorgio Mulliri

Ducati GP14: ci stiamo avvicinando?

Ci stiamo avvicinando…
Finalmente I tanto attesi test di Sepang 1 sono arrivati.
Primo approccio della MotoGP, finalmente in pista e non sulla carta stampata che ci ha accompagnato questo lungo inverno di fermo biologico…


Per  quanto mi riguarda, aspettavo di vedere foto della ducati gp14, come un "drogato" aspetta il suo phusher, e il mio "pusher" GPONE, non mi ha tradito neanche quasta volta.

 Per capire la direzione presa sulla versione messa in pista con alcuni consigli del ING Dall’Igna, come confermati da alcune interviste rilasciate settimane orsono, sia dal proprio ing che da Ciabatti, interviste che ho linkato negli articoli precedenti.

Però prima di passare a quello che son riuscito a carpire dalle immagini trovate su internet della nuova versione della Factory Bolognese, vorrei attirare la vostra attenzione su alcune dichiarazioni, di diretti interessati e “non piu interessati” la prima e la seconda, sono di Dall’igna  interviste rilascialte a Motosprint .


“non e' questione di guidabilità ma anche di dimensioni , layaut, quindi anche architettura, io appartengo a quel genere di tecnici che  crede nell’architettura sia figlia PIU della ciclistica che del motore
.
In che senso?
quando hai fatto un motore hai in pratica già dato l'impronta alla ciclistica per cui tantissime scelte che riguardano la parte esterna del motore, oppure la posizione del pignone devono essere fatte in collaborazione con i telaisti.
Mentre questa e’ di Gpone 
 

"E' sicuramente vero che una volta disegnato il motore hai sostanzialmente fatto il telaio. L'architettura del motore non è una scelta del motorista ma del telaista. La Ducati sa fare telai, l'ho toccato con mano.

Mentre questa: "Questa moto è ancora un telaio avvolto attorno ad un motore, piuttosto che un motore progettato per andare in un telaio,"  "Abbiamo bisogno di nuovi carter motore, perché non possiamo continuare a sollevare il motore perché poi il pignone diventa sempre più  alto e  colpisce il perno del forcellone….

Avete indovinato di chi sono queste parole ? che parlano nello stesso modo di >Dall’igna?
Burgess!!!

  nel luglio del 2012 in questa intervista.
http://www.motorsportmagazine.com/race/motogp-race/is-ducati-getting-there/

Questa intervista  l'avevo   già riportata nei miei articoli, e le parole di Dall’Igna confermano che la situazione del 2012 non sia cambiata molto…nel senso che e’ dal 2012 che si trascinano lo stesso problema del telaio dseegnato attorno al motore, con tutti i limiti gia elencati da Burgess gia nel luglio del 2012... 


Tempi a dietro ho cercato di dare una motivazione "ipotetica" basata su fatti che già ho descritto quali: la mancanza di finanziamenti da parte ei piani alti dellai Ducati con vari articoli, o  per un blocco dello sviluppo data l’entrata di Audi nella primavera del 2012 e l’arrivo di Dhurahimer, che dal mugello 2012 diede un indirzzo allo sviluppo della gp bolognese, (si e' aspettato a lui???) come da lui dichiarato in una intervista dove proponeva di creare il telaio da me chiamato "transformer" che diede i natali alla lab nelle varie  versioni di rigidezza.


Tutto indica che Dall'igna si sia ritrovato con lo stesso problema, e che materialmente non era in condizione di rifare una moto ed un motore in simbiosi con un telaio, vuoi per la mancanza di tempo da novembre a oggi e  vuoi per il cambio di regolamento, (open)che apre nuovi orizzonti e opportunità, che a parer mio l'ING sfrutterà, potendo rifare tutto il desing del motore con un telaio fatto in simbiosi e correggendo alcune lacune che fin ora la ducati gp ha sofferto.

Perché tutto questo discorso?
 
Perché a quanto pare da Sepang qualcosa in termini di soluzioni e' trapelato. 

Il titolo non si riferisce a i tempi fatti dalla ducati ma a qualcos'altro  sempre inerente a questo discorso.

Non essendo in sito e non avendo una linea diretta con L'ing Dall'igna  io continuo a sostenere che le mie sono solo ipotesi e qualche azzardo...
Cosa abbiamo visto a Sepang 1 ?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

la moto appare con un telaio liscio non piu con quelle antiestetiche saldature nella parte inferiore del telaio zona pivot, oltre ad una saldatura nel punto di attacco del motore posteriore.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

il codino appare ridisegnato piu squadrato, mentre il sotto sella sembra aver subito anch'egli un restyling, insieme al disegno della parte bassa del finto serbatoio, il tutto molto piu somigliante alla hrc  come disposizione degli oggetti in questione,probabilmente alla ricerca di una posizione del pilota piu adatta al centraggio dei pesi (azzardo)

Free Image Hosting at www.ImageShack.us




La carena appare con degli sfoghi diferenti alla gp13 lab ultima versione

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Ma a parte questi particolari, una foto ha attirato la mia attenzione, questa,

Free Image Hosting at www.ImageShack.us


Foto dove si evince che, un particolare ha cambiato il suo design, IL radiatore!!
qui una foto di come era a valenca tets novembre 2013...



Free Image Hosting at www.ImageShack.us


la diffenza che salta agli occhi se ingrandiamo il particolare 

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

e' che ora ha una forma ad arco e piu inclinata invece che retta .
La domanda e'?  Perché?  a che serve?

E qui viene il bello...

Ricordate la mia analisi delle differenze tra una moto con un motore a v 90  (hrc honda 213) e la Ducati con la stessa archittetura?
http://manziana.motocorse.com/blog/34208_ALBERI.php

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

La Honda Hrc 213 rcv ha vinto il campionato nel 2013 con  Marquez e che ha ben figurato anche negli anni precedenti,  (il v 90 e' entrato nel 2012)

La differenza più evidente che riscontrai con le mie analisi fotografiche ,  fù quella della posizione del albero motore, dove sulla ducati apparentemente era piu arretrata
 di almeno 5  cm, ad occhio nudo, e dando per scontato che le mie misurazioni NON possono essere precise al millimetro.

Ricorderete anche che trovai una dichiarazione del l'ing Fabio Fazi nel libro "La progettazione della Motocicletta" dove dichiarava che ..... l'albero motore deve rientrare dentro una certa misura con la distanza del perno ruota anteriore, pena un fastidiosissimo sottosterzo, cosa che io ho accoppiato immediatamente al fatto che la ducati avesse prorpio questo particolare fuori schema... da  quello che honda avesse nella sua geometria del poszionamento del motore.
L'ig Fazi la chiama regola doro, dove e' stata stabilita con centinaia di modelli di moto da parte di una marca giapponese...

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Cominciamo?
Ho cercato di dare una spiegazione al radiatore piu inclinato verticalmente, e se penso al fatto che l'albero motore sia distante dal perno ruoto, mi viene da sola... l'ipotesi che abbiano accorciato il telaio per avvicinare il perno ruota alla misura sperata  della distanza dell'albero motore.

qui di seguito una mia elaborazione grafica artigianalissima ,che ha la sola pretesa di cercare di spiegare  cosa hanno fatto a mio parere.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us


Cercando spazi dietro il radiatore originale, dove da altre foto anteriori della gp13 appare che i tubi di scarico della bancata anteriore sono gli oggetti piu vicini al radiatore originale.
Non mi meraviglierei se avessero modificato anche il disegno degli scarichi  per far spazio alla curvatura del nuovo radiatore.
ma esiste un altro particolare che da da pensare su una foto del mio pusher  di oggi , i mezzi manubri di cal  leggermente avanzati, segno forse che accorciandola  Cal aveva bisogno di arrivarci meglio?  solo ipotesi ovviamente.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us


Altro particolare sulla moto di Pirro, con il collettore di scarico posteriore, apparentemente piu lungo  e con una inclinazione differente verso su , da quella che era sulla lab 13.


Free Image Hosting at www.ImageShack.us



Il taglio del telaio(ipotetico) accorciando la moto fu gia intrapreso sulla gp12 nel 2012...

Un intervento del genenere fu già sperimentato nel 2012 da parte di Filippo Preziosi, e precisamente nei test pre misano
Misano test 2012

Free Image Hosting at www.ImageShack.us


 dove apparve un articolo di >Neil Spalding che spiegava quello che fù l'intervento di allora, dove scrissi un articolo elaborando un disegno che spiegava cio che a parer di Spalding  fecero in Ducati.


Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Altra mia elaborazione dell'epoca per spiegare come sono intervenuti secondo Spalding.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us



C'e da ricordare che  in quella moto, era in atto una nuova distriuzione dei pesi iniziata dopo il gp del mugello, con un serbatoio della benzina di disegno differente piu avanzato , oltre allo spostamento di alcune centraline per caricare peso in avanti. Moto che era l'embrione della gp13 vista a sepang test 2013, prima dell'arrivo della lab.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

sotto la Lab usata da Dovizioso da circa metà campionato in poi.
Free Image Hosting at www.ImageShack.us


Ci stiamo avvicinando... ora ha piu senso il titolo...

riferito al fatto che questo tipo di intervento indica un tentativo estremo e "provvisorio" a quello che in linea di massima si sta cercando di fare per eliminare il sottosterzo e trasferire la nuova geometria,qui provata  e "se" con buoni risultati e di conseguenza trasferita nella prossima moto progettata dall'ing Dall'igna , che sara' di certo disegnata in simbiosi tra telaio e motore, visto che fino ad oggi quel motore per un motivo od un altro e' rimasto abbastanza simile da diverse stagioni...
Aproposito di disegno di motore in simbiosi del telaio, qui sotto un video d'epoca dell'ingegner Dall'igna, che risolse un problema simile....piu o meno ..sempre su un motore a v  di 90 gradi...  come quello dell'aaprilia 250, dove intervenne sugli alberini del cambio per poter guadagnare spazio per allungare il forcellone.







in questo caso ha si rifatto il motore appositamente anche per risolvere un altro tipo di problema...


ed e' interessante leggere cosa e' scritto su wikipedia approposuto di quella modifica sulla aprilia 250 diventata RSA

http://it.wikipedia.org/wiki/Aprilia_RSV_250

Questa moto dal 2007 è stata resa disponibile in una nuova versione ed è stata modificata la sigla in RSA; è caratterizzata da molti particolari diversi rispetto al modello precedente, tra cui il sistema d'aspirazione nel carter rivisto (sempre con aspirazione a destra) e la nuova disposizione degli alberi del cambio (verticali invece che orizzontali) e dei gruppi termici, inoltre è variato le misure del telaio per poter adoperare un forcellone di maggiore lunghezza e ottenere benefici in accelerazione e trazione. Un'altra novità è il sistema a tre accelerometri per avere più dati per la gestione della potenza della moto in situazioni di bassa aderenza (controllo di trazione), in modo da poter velocizzare lo sviluppo della Aprilia RSV4 (che dal 2009 partecipa al campionato mondiale Superbike).


Un ultimo particolare  visto sulla moto di iannone, apparentemente e' sparito il compensatore di scarico...


Free Image Hosting at www.ImageShack.us


Fin qui le novità che son riuscito a vedere,  ricordando sempre che le mie possono essere solo ipotesi  ....


update. 13.12
questa e' interessante 

l'attacco al motore anteriore e' stato alungato in confronto alla 12 e 13 lab

oltre al particolare del radiatore ora più visibile.


Free Image Hosting at www.ImageShack.us




Free Image Hosting at www.ImageShack.us

A Malaga fa freddino.
un ringraziamento al mio pusher GPONE.


comments powered by Disqus

Altri commenti

wwanasia

Ciao Manz, e sempre 1 enorme piacere intellettuale leggere i tuoi articoli. Speriamo che questa gp14 di transizione risollevi un attimo la Ducati o almeno dia delle conferme sulla direzione da prendere per la gp15 dell igna

Inserito: 04 febbraio 2014
Domenico77

Grande Manz bell'articolo, come sempre.

Concordo sull'ipotesi del rapporto albero motore/passo che era il primo problema da risolvere per il sottosterzo dai tempi di Burgess, come hai fatto giustamente notare. Magari è stato risolto cambiando le masse radianti (più sottili e arcuate) per dare i cm necessari di avanzamento.Forse il motore è anche più in alto, e l'airbox più alto ha fatto aumentare i volumi sottosella per il serbatoio.Sotto la carena la moto sembra migliorata nelle finiture, con una cura costruttiva tipica dei tedeschi...buon segno. La bretella allungata sembra pure una buona mossa (avantreno più flessibile?). L'aerodinamica è meno "a uovo". Peccato per il codone che è davvero brutto, secondo me. Pensi che riproporranno la carena più aperta vista a Valencia? Il finto serbatoio sembra posticcio.
La moto somiglia alla Honda, ma con i regolamenti attuali se si vuole essere vincenti non si ha molta scelta di layout...

Inserito: 04 febbraio 2014
manziana

grazie wwanasia
Domenico, credo che a valencia fecero esperimenti e che quella vista oggi non sia la gp14 definitiva se decidessero usare la factory, abbiamo tempo fino al prossimo test di sepang tra quasi un mese

Inserito: 04 febbraio 2014
ranxerox

se Manziana aspetta il suo pusher di foto, io aspetto i suoi articoli con l'astinenza tipica del tossico!
grazie Manz x farmi capire meglio di tanti altri cosa succede alla Ducati.
La stagione si prospetta interessante...

Inserito: 05 febbraio 2014
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


In blog Veritas

Approfondimenti tecnici sulla MotoGP fuori dall'ordinario


Una voce fuori dal coro, che vi terrà informati sulle evoluzioni tecniche e sui segreti della MotoGP

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Beta Alp: da motoalpinismo a trial in pochi minuti

Beta Alp: da motoalpinismo a trial in pochi minuti
in Offroad

Clover: Total look per la primavera

Clover: Total look per la primavera
in Abbigliamento moto

HP Corse: scarico per Kawasaki Z800

HP Corse: scarico per Kawasaki Z800
in Accessori moto